La guerra di Putin contro me e te

0
7

Le Termopili sono ora in Ucraina e l’eroismo dell’Ucraina ispira e unifica

Mircea Cartarescu

Mircea CARTERESCU

Di fronte alla stupida e sanguinosa aggressione contro l’Ucraina da parte della Russia di Putin, l’Europa oggi assomiglia alla moltitudine di città greche del mondo antico che solo l’invasione del colossale esercito persiano ha unito e dotato della coscienza della propria unità nei valori e ideali. , dell’idea di formare un mondo unico.

 Una forza sproporzionata e minacciosa, apparentemente invincibile, fu l’unica in grado di unire Atene e Sparta, fino ad allora aspre rivali, unendole sotto lo stesso comando, con la stessa volontà di lottare per la libertà. 

Da allora, in innumerevoli occasioni nel corso dei secoli, la guerra tra schiavitù e libertà si è ripetuta in mondi diversi come eterno archetipo della condizione umana.

Ebbene, non è principalmente una guerra tra eserciti sui campi di battaglia, ma un perpetuo conflitto interiore di ognuno di noi.

Quando la sproporzione tra le forze è così disperata, sorgono le premesse dell’eroismo, uno dei tratti più rari e preziosi dell’umanità. Il mondo moderno, con il suo pragmatismo, tende a negare o prendere in giro lo spirito di sacrificio nella vita, di ispirazione nell’arte, di idealismo come modo di essere, eppure non passa giorno, né esiste una sola situazione umana senza di ciò vediamo i nostri simili offrire straordinarie manifestazioni di altruismo e alterità.

 È il volto luminoso, la parte liscia del “legno storto dell’umanità”, di cui parlava Immanuel Kant. Quella parte liscia esiste davvero, nella vita di tutti i giorni, nelle piccole e nelle grandi cose, ma soprattutto nei momenti cruciali per l’umanità, come il momento presente.

Oggi Putin unisce l’Europa e il mondo intero, contro le sue intenzioni, molto più di ogni fattore economico, sociologico o culturale. Le Termopili sono ora in Ucraina e l’eroismo dell’Ucraina ispira e unifica. 

Oggi, dopo l’assedio di Kiev, vediamo attraverso lo spessore della storia alcuni soldati spartani che resistono contro un immenso esercito di schiavi. 

Perché l’impero di Putin – che non si identifica con il popolo russo, il primo assoggettato al suo giogo – è anche quello della schiavitù, quello del governo con la forza bruta, come nell’ex Unione Sovietica da cui proviene. vedi restaurato?

Cadute le Termopili, tutti i suoi difensori furono massacrati, ma senza quella battaglia non ci sarebbero state Salamina, Maratona o Platea, dove la volontà di libertà, l’istinto umano più forte della sopravvivenza, sconfissero il colosso persiano. 

Anche Kiev potrebbe cadere, e l’Ucraina potrebbe essere conquistata, ma non importa più, perché Zelensky ei suoi combattenti sono entrati definitivamente nell’orizzonte d’oro del mito. 

In questo momento sono gli eroi dell’umanità contro i quali, anche sconfiggendoli, il tiranno non ha nulla a che fare. 

Radunando il mondo contro di lui e provocando l’eccitante resistenza dell’Ucraina, Putin ha già perso la guerra.

La storia non è un libro o un manuale, ma la confluenza successiva e simultanea di milioni di vite umane. Non è presente solo nel passato, ma proprio in questi momenti. 

Devi andare avanti ad ogni costo. La guerra di Putin è però una singolarità mai vista nella storia, poiché è la prima volta che, dopo le battaglie convenzionali, si delinea un dito tremante che si avvicina al pulsante dell’Apocalisse. 

Un solo uomo, perso nelle sue allucinazioni, può oggi distruggere definitivamente l’amore, la creatività, la compassione, la solidarietà, la felicità, la contemplazione, il sorriso, la maternità, la curiosità, l’intelligenza e tanti altri aspetti della meravigliosa creatura umana.

 La guerra di Putin ora non è contro l’Ucraina, ma contro ciascuno di noi.

Rispondi