Italia Commissariata di fatto

Italia in Crisi economica

L’Italia è di fatto commissariata dalla BCE e dal potere bancario europeo, attraverso il massimo rappresentante dell’eurocrazia Mario Draghi, l’uomo dei mercati che fu sul panfilo Britannia nel 1992.

Il Premier campione del neoliberismo ha già chiaramente mostrato al mondo intero la propria impostazione con le sue riforme lacrime e sangue , il banchiere Draghi è tranquillo e sereno,

Una cosa mai vista nella storia repubblicana.

Draghi nei suoi interventi cita costantemente l’Unione Europea e l’euro come “moneta irreversibile”, senza mai fare motto, nemmeno tangenzialmente, della Costituzione Italiana, dell’interesse nazionale e della sovranità popolare.

D’altro canto, il governo tecnico di Mario Draghi, che governa senza opposizione e a beneficio esclusivo dei mercati mondiali, è esattamente l’annullamento di ogni sovranità nazionale.

Mario Draghi prende decisioni che la costituzione affida al popolo, ha paralizzato l’Italia attraverso un coacervo normativo giustificato dal Covid-19.

È la cosa più grave mai accaduta nella nostra storia democratica.

Abbiamo oggi compreso la reale traiettoria del governo capitanato dall’ex banchiere di Goldman Sachs ed ex governatore della BCE

Chi siede oggi al governo fa gli interessi dei grandi gruppi bancari, degli euro-poteri e non certamente degli italiani.

La Lega e Forza Italia, “ridicolizzati universalmente”: loro che promettevano sovranità nazionale e tutela dell’interesse nazionale si trovano ora ad appoggiare, genuflessi l’esecutivo dell’uomo delle banche d’affari, e dei speculatori dei mercati finanziari.

La mancanza di una reale opposizione non fa che aggravare la situazione,  molti dei quali sono entrati in parlamento con l’obiettivo giurato di combattere le lobbies e i poteri forti, oggi ne sono completamente asserviti e funzionali.

La prova è questa situazione di rincari assurda, dove anche i prezzi dei beni di prima necessità sono saliti alle stelle, n un anno gas ed elettricità sono raddoppiati.

Il carburante è al massimo storico dal 2012,

Addirittura non paghiamo e non facciamo lavorare chi ha scelto di non vaccinarsi.

Le famiglie sono in ginocchio , dal canto mio ,considero deprecabile l’atteggiamento distaccato , da parte di questo governo che se ne frega altamente di migliaia di padri di famiglia che stanno finendo per strada per colpa di questi provvedimenti normativi da irresponsabili.

Rischiamo di fare la fine di drammatiche esperienze sudamericane.

Molte persone nel Nostro paese si sono tolte la vita, strangolate “dall’usura bancaria”.

Quello che sta accadendo con le piccole e medie imprese, con le partite Iva, è davvero vergognoso e inaccettabile.

Da noi vige l’autoritarismo assoluto e non se ne parla di ripartire.

IL PREZZO DEL PNRR E’ IL COMMISSARIAMENTO E LA SOSPENSIONE DELLA DEMOCRAZIA

De Ficchy Giovanni

Rispondi