Putin denuncia un genocidio nel Donbass mentre la Duma gli chiede di riconoscerne l’indipendenza

In visita a Mosca, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha dichiarato che una tale dichiarazione sarebbe un “disastro politico”

Il presidente russo Vladimir Putin ha definito un “genocidio” ciò che sta accadendo attualmente nel sud-est dell’Ucraina . Durante la conferenza stampa congiunta con il cancelliere tedesco Olaf Scholz, Putin ha risposto al suo ospite: “Vogliamo la guerra? Ovviamente no”. Scholz aveva fatto riferimento a quanto accaduto in Jugoslavia nel 1999, dove, a suo avviso, “la situazione era significativamente diversa da quella che stiamo vedendo nel Donbass (…) c’era un pericolo e una minaccia di genocidio”. Il presidente russo ha ripreso la parola per dire che “aggiungo che, secondo le nostre stime, quello che sta accadendo oggi nel Donbass è un genocidio”.

Non è la prima volta che Putin bolla come “genocidio” l’azione delle truppe ucraine nell’est del Paese, i cui comandanti chiama “nazisti”.

Lo scorso dicembre, il capo del Cremlino ha accusato Kiev di aver inviato “metà di tutte le sue truppe ” nel Donbass. Giorni prima aveva assicurato che gli abitanti del Donbass “soffrono di discriminazione e questo è il primo passo verso il genocidio”. Parole simili sono state udite dalla bocca di molti leader e deputati russi.

“disastro politico”

Questo apprezzamento è ciò che ha motivato la Duma a votare una risoluzione , la cui bozza è stata presentata dai comunisti, esortando Putin a riconoscere le repubbliche ribelli dell’Ucraina orientale , Donetsk e Lugansk come stati indipendenti. In vista di una loro eventuale successiva annessione o con l’obiettivo di trasformarli in protettorati russi, come nel caso delle province georgiane di Ostia meridionale e dell’Abkhazia.

Dopo quanto approvato alla Duma, il ministro degli Esteri ucraino, Dmitro Kuleba, ha affermato che, se Putin ignorasse il Parlamento, “significherebbe ‘de facto’ il ritiro della Russia dagli accordi di Minsk”. Nelle sue parole, “vorrei ricordare ancora una volta la posizione immutabile dell’Ucraina : se verrà presa una decisione sul riconoscimento, la Russia si ritirerà ‘de facto’ e ‘de jure’ dagli accordi di Minsk con tutte le relative conseguenze”.

Scholz ha anche ritenuto che il riconoscimento dell’indipendenza di Donetsk e Luhansk sarebbe un “disastro politico e una violazione degli accordi di Minsk” . Putin, tuttavia, ha sottolineato che “i deputati sono guidati dall’opinione pubblica. Nel nostro Paese la maggioranza simpatizza con i residenti del Donbass». Le sedicenti repubbliche ribelli, infatti, hanno accolto favorevolmente la decisione dei parlamentari russi.

Nel settembre 2017, la giustizia russa ha aperto un’indagine contro l’allora ministro della Difesa ucraino, Stepan Poltorak , e venti alti funzionari militari per accuse di “genocidio” e uso di metodi di guerra proibiti.

Tradotto e Redatto da Giovanni De Ficchy

Rispondi