Prato : usata la droga dei cavalli

La droga dei cavalli

Scoperto un traffico di ketamina e di shaboo: gli stupefacenti erano utilizzati per costringere i lavoratori a ritmi assurdi, così come anche i «riciclatori» delle macchinette. Che per ripulire il denaro devono giocare per ore. Arrestato un 51enne

Prato, 14 Febbraio 2022

La droga dei cavalli per far lavorare le persone 24 ore di seguito. 

E’ la storia che arriva da Prato ed è stata scoperta dai carabinieri. 

Un’indagine che secondo i militari è gestita dalla mafia cinese. 

Soprattutto la ketamina, un anestetico che utilizzano i veterinari sui cavalli, e che veniva trasformato il polvere, divenendo così simile alla cocaina.

Ma usavano anche lo shaboo, una metanfetamenina a forma di cristallo che ha effetti 14 volte più devastanti della cocaina.

La droga arrivava a Prato già trasformata in polvere.

In Cina, infatti, ci sono raffinerie clandestine con macchine specializzate nella trasformazione del liquido anestetico in polvere. 

In questo caso la droga serviva ad aumentare le capacità di lavoro di operai cinesi trasformati in schiavi.

Così la mafia cinese «spreme» la sua manovalanza

Droga e slot machine

In pratica la droga serviva a fare lavorare anche  di seguito i lavoratori delle ditte tessili pronto moda e soprattutto i riciclatori delle slot machine. 

Il compito di questi ‘lavoratori’ era quello di riciclare nelle slot il “denaro sporco” così con le vincite i soldi diventavano legali.

Una parte del denaro, veniva perso, ma quello vincente risultava assolutamente pulito e dunque spendibile ovunque.

Redatto da Giovanni De Ficchy

Rispondi