Cancellata la star del tennis cinese e la vittima di stupro

Peng Shuai si sta “ritirando” dal tennis e ha anche imbiancato ulteriormente il suo imbroglio #MeToo.

In un’intervista con la rivista francese L’Equipe , Peng Shuai ha condiviso la notizia che si starebbe ritirando dal tennis professionistico. Il tempismo non potrebbe essere più sospetto.

All’inizio di novembre, Peng Shuai ha postato sui suoi social media una dichiarazione in cui accusava l’ex vicepremier Zhang Gaoli di aggressione sessuale.

 Il post è stato straziante e chiaramente una richiesta di aiuto. 

Peng presumibilmente sapeva che pubblicare questa accusa equivaleva a una missione suicida. In effetti, è scomparsa dagli occhi del pubblico per settimane. Il mondo si è radunato intorno a lei, in particolare i suoi amici e colleghi della Women’s Tennis Association (WTA). #WhereisPengShuai è diventato un movimento internazionale.

 I suoi sostenitori realizzavano magliette e le indossavano persino agli  OPEN AUSTRALIANI . Inevitabilmente, quegli attivisti sono stati espulsi perché avrebbero potuto offendere gli altri partecipanti.

Quando Peng è riapparsa, era in video e foto in scena. 

Ha contattato due volte il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) per ritrattare il suo incarico e esprimere il suo rammarico per la controversia. 

Entrambe le volte c’era un minaccioso membro del PCC in background. Era abbastanza ovvio che la coercizione era in corso che la  FEDERAZIONE TENNISTICA MONDIALE avrebbe ritirato tutti i tornei dalla Cina e da Hong Kong. 

Tutto ciò è culminato nel suo annuncio di “pensionamento” e in un’altra ritrattazione ufficiale delle sue accuse definendole un “malinteso”.

Ora afferma di non essere mai scomparsa, che stava bene, che l’aggressione non è mai avvenuta e che si rammarica che sia diventata una controversia così mondiale.

 L’unica affermazione lontanamente credibile è l’ultima perché è meglio che tu creda che il PCC si sia completamente pentito di aver parlato. Il governo cinese non è al di sopra della tortura e della coercizione per costringere i suoi cittadini a fare ciò che vuole – ergo, qualunque cosa Peng affermi ora non può e non deve essere considerata la verità. 

È anche preoccupante che si ritiri e sarà fuori dagli occhi del pubblico. Il pubblico ha una soglia di attenzione molto breve. Non appena sarà dimenticata, probabilmente se ne andrà per sempre.

La tempistica dell’articolo di alto profilo di L’Equipe è sospetta. 

È uscito il 7 febbraio, il primo lunedì delle Olimpiadi, il che può solo significare che il CIO voleva, una volta per tutte, costringere il pubblico ad andare oltre la sua difficile situazione. Il CIO preferirebbe che ci concentrassimo e celebriamo i Giochi di Pechino e non ci occupassimo di nessuno degli inconvenienti come il silenziamento di Peng Shuai o il genocidio e la riduzione in schiavitù degli uiguri.

 Ma ci vuole un sacco di insabbiamento per nascondere tutte le sciocchezze che la Cina fa continuamente.

La copertura mediatica americana e internazionale è stata una burla  . I media hanno  e il loro adattamento della situazione di Peng Shuai non è diverso.

 I media come ESPN e la rivista Time sono felici di diffondere la bugia secondo cui il post di Peng era solo un “malinteso”. Solo poche fonti dei media hanno notato che l’intervista è stata supervisionata.

 Peng aveva un in agguato del PCC che si assicurava che dicesse ciò di cui aveva bisogno per togliere il mondo dalle spalle della Cina.

Peng Shuai è una persona individuale, ma è rappresentativa della censura e del brutale silenzio che si verificano quotidianamente in Cina. Il fatto che i media nazionali e internazionali siano disposti ad andare d’accordo per andare d’accordo è una farsa.

 La storia ci ha insegnato che placare i bulli non ferma il bullismo; incoraggia semplicemente quei bulli ad andare oltre e causare più danni. 

Peng merita di meglio di questa risposta apatica e apatica alla sua difficile situazione.

tradotto e redatto da Giovanni De Ficchy

Rispondi