L’ANGELO DE’ CASTELLO

A Roma, c’è un castello, che in realtà era una fortezza collegata al Vaticano da tutta una serie di camminamenti segreti, che avrebbero dovuto consentire al Papa Re di ritirarsi in caso di attacco in una postazione più sicura e più difendibile .

Questa fortezza è conosciuta come CASTEL SANT’ANGELO,

Castel Sant’Angelo, uno dei monumenti più imponenti e suggestivi di Roma: il suo fascino sta nella sua continua trasformazione: da grandioso Mausoleo a roccaforte dei Papi; da cupa prigione a magnifica residenza con ambienti riccamente decorati

per via del grande angelo con la spada fiammeggiante che sovrasta il torrione centrale.

Nella vulgata romana si narra che ha causa di una pestilenza terribile ,che aveva decimato la popolazione e che non accennava a finire, grazie all’intercessione delle preghiere del Papa, il signore invia e fa apparire un angelo con la spada fiammeggiante che scaccia il terribile morbo dall’urbe salvando ciò che era rimasto del popolo romano.

Perchè narrare questa storia, se non per collegarla a quanto è successo al Parlamento Italiano nei scorsi giorni?

Vi ricordate? I nostri parlamentari non riuscivano a trovare un nome per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica, e quindi, si sono messi a fare i Re Maggi, e cammina cammina sono arrivati al Quirinale a pregare il Presidente uscente, Mattarella, di accettare un nuovo incarico per reggere la repubblica, ora quasi una monarchia costituzionale.

Ma il bello viene, durante il tradizionale discorso di accettazione del nuovo Presidente alle Camere riunite , il Parlamento è percorso da una crisi di tavazzismo masochista, e più il Presidente sferzava un Parlamento incapace di legiferare e nominare un nuovo Presidente, e più i parlamentari plaudivano, e osannavano il nuovo re.

Il Presidente del Consiglio Draghi rimette, come tradizione , il mandato alla stesso Presidente che lo aveva nominato, che lo rinveste del prestigioso incarico.

Che succede?

C’ è forse un nuovo angelo dè Castello?

E chi sarà Draghi ,o, forse Mattarella?

Certo dopo queste elezioni la pandemia ha deciso di decrescere e finalmente sembra che si vada verso una soluzione che dopo due anni di stress e morti, aveva messo alle corde il sistema nervoso del popolo, e sembra che anche l’economia cresca , và tutto bene madama la marchesa.

Ma non sarà che ce stanno a cojonà, come direbbe il popolo dè Roma.

DARIO MICCHELI

DIRETTORE RESPONSABILE

SAN MICHELE ARCANGELO

Rispondi