LA CORTE SUPREMA Rifiuta L’OBBLIGO VACCINALE RICHIESTO DA BIDEN

0
4

La nazione è in attesa di vedere se la Corte Suprema reprimerà il superamento dell’esecutivo di Biden.

La Corte Suprema Usa

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha accolto le obiezioni al mandato del vaccino COVID di Joe Biden venerdì ed è diventato subito evidente che, proprio come la nazione in generale, i giudici erano chiaramente divisi nella loro valutazione dell’autorità di Biden di attuare un’azione così radicale. Per quasi quattro ore, i giudici hanno interrogato lo Stato e coloro che si opponevano al mandato.

Il presidente della Corte Suprema John Roberts ha osservato: “Questo è qualcosa che il governo federale non ha mai fatto prima”. Il giudice Neil Gorsuch ha suggerito che i funzionari del governo sembravano aver oltrepassato la loro autorità. “Il Congresso ha avuto un anno per agire sulla questione dei mandati dei vaccini”, ha detto Gorsuch. “Sembra che il governo federale stia andando agenzia per agenzia come soluzione alternativa”. Il giudice Amy Coney Barrett ha affermato che il mandato era troppo ampio nella sua applicazione. Il giudice Samuel Alito ha osservato che la regola è “fondamentalmente diversa da qualsiasi cosa l’OSHA abbia fatto prima” perché “colpisce continuamente i dipendenti”, non solo sul lavoro.

Eppure era anche chiaro che la legalità e la costituzionalità del mandato di Biden non erano la preoccupazione principale per l’ala sinistra della Corte, che ha preferito concentrarsi su quanto sia spaventoso il COVID. Il giudice Sonia Sotomayor ha erroneamente affermato : “Abbiamo ospedali che sono quasi a pieno regime con persone gravemente malate con ventilatori”. La realtà è che anche durante questa ondata di Omicron, i ricoveri sono inferiori del 50% al numero massimo del 2021. Sotomayor ha inoltre affermato falsamente: “Abbiamo oltre 100.000 bambini, che non abbiamo mai avuto prima, in condizioni gravi e molti con ventilatori”. La verità? Dall’inizio della pandemia, ci sono stati un totale di 80.200 bambini di età pari o inferiore a 17 anni ricoverati in ospedale con COVID – il termine conessendo un importante modificatore, come ha notato il direttore del CDC, la dott.ssa Rochelle Walensky, nel correggere Sotomayor. La falsa affermazione della giustizia era così gravemente disinformata che persino il “fact-checker” del Washington Post le ha dato il peggior punteggio di quattro pinocchi .

Sotomayor non era il solo a spacciare disinformazione sul COVID. Il giudice Elena Kagan ha insistito sul fatto che il mandato è necessario per assicurarsi che le persone “non trasmettano la malattia”. Le persone vaccinate possono, infatti, catturare e trasmettere il COVID.

Ma il più grande mistero di iperbole pandemica selvaggiamente imprecisa potrebbe provenire dal giudice Stephen Breyer, che ha affermato che ci sono stati “750 milioni di nuovi casi di COVID ieri o quasi”. Visto che l’intera popolazione degli Stati Uniti è di circa 330 milioni, l’America deve aver appena raggiunto l’immunità di gregge, il doppio.

È una disinformazione eclatante e una sciocchezza assolutamente errata come questa che sottolinea il motivo per cui il panico che circonda COVID ha permesso anche a persone normalmente ragionevoli di comportarsi come lemming spaventati.

Peggio di questa disinformazione, tuttavia, era il disprezzo dei giudici di sinistra per la separazione costituzionale dei poteri. Sotomayor si è chiesto: “Non sono sicuro di capire la distinzione per cui gli stati avrebbero il potere” di imporre un tale mandato “ma il governo federale non lo farebbe”. Forse non ha mai sentito parlare del 10° emendamento.

La questione della legalità del mandato vaccinale di Biden è stata risolta dallo stesso presidente e dalla sua amministrazione mesi prima che decidessero di andare contro la loro stessa comprensione dei limiti costituzionali al potere esecutivo. Come osserva astutamente l’esperta politica Liz Wheeler: “Non importa se il vaxx sia una scelta saggia (o meno). O se è efficace (o meno). O quanto sia mortale (o meno) il Covid. L’UNICA cosa a cui SCOTUS dovrebbe rispondere è se l’OSHA ha l’autorità per emettere un ETS che richiede ai datori di lavoro privati ​​di costringere i dipendenti a farsi licenziare.

L’amministrazione Biden ha affermato di avere l’autorità per esercitare l’amministrazione per la salute e la sicurezza sul lavoro come un randello per il mandato del vaccino, sebbene, come ha osservato Roberts, si tratta di un uso senza precedenti della regola degli standard di emergenza dell’agenzia. Solo 10 volte in 50 anni l’OSHA ha assunto tali poteri e sempre in conformità con le tossine sul posto di lavoro. In altre parole, le azioni sono sempre state temporanee e di portata ristretta, non una regola che ha avuto un impatto diretto sulla salute e sui mezzi di sussistenza di 80 milioni di americani che lavorano. Ora, l’OSHA tratta i lavoratori come tossine sul posto di lavoro.

Scientificamente, il fatto scomodo per i sostenitori del mandato è la realtà che la pandemia non è più un’emergenza. Sebbene i vaccini contro il coronavirus si siano dimostrati efficaci nel ridurre la gravità della malattia, non rendono gli individui immuni dalla cattura o dalla diffusione del virus. Inoltre, dall’inizio della pandemia è stata sviluppata e implementata un’ampia gamma di opzioni terapeutiche. L’idea che il vaccino sia l’unica cosa in grado di affrontare il nuovo virus è palesemente falsa. Inoltre, che dire della realtà reale e scientifica immunità naturale ? Il mandato non tiene conto della scienza che l’immunità naturale esiste e può, soprattutto per quanto riguarda la variante Omicron, offrire una protezione migliore rispetto ai nuovi vaccini mRNA.

La più grande preoccupazione per la Corte dovrebbe essere proteggere la Libertà individuale dall’istinto di chi detiene il potere di abusare della propria autorità e di difendere tale abuso affermando di agire per “salvare vite”. Se davvero fossero vite queste autorità governative interessate a salvare, penserebbero meno altamente delle proprie preferenze e incoraggerebbero quante più opzioni mediche possibili per il pubblico americano. La diversità di pensiero, idee e opinioni è ciò che guiderà il paese ad affrontare meglio una pandemia rara, non una “soluzione” dalla mentalità ristretta, dall’alto verso il basso, adatta a tutti che si è già dimostrata del tutto inadeguata a fermare il virus.

La Corte potrebbe emettere una sentenza iniziale in qualsiasi momento, anche se una sentenza più completa sarebbe probabilmente arrivata in seguito.

Tradotto e redatto da Giovanni De Ficchy

Rispondi