Mentre la Russia si prepara a invadere l’Ucraina, l’Occidente deve fare una scelta

0
2

Soprattutto dopo la debacle in Afghanistan, è più urgente che mai difendere la sovranità e la democrazia ucraine.

Lungo il confine della Russia con l’Ucraina è in corso un massiccio rafforzamento militare. I cyberattaccanti russi prendono di mira le agenzie governative e i servizi pubblici ucraini. Un manifesto pubblicato da Vladimir Putin nega all’Ucraina il diritto alla sovranità. Mosca accusa gli appaltatori americani di armare le forze ucraine con armi chimiche. Un “progetto di trattato” emesso dal Cremlino richiede che l’Ucraina sia esclusa in modo permanente dall’adesione all’alleanza della NATO, o “la nostra risposta sarà militare”.

La scritta è sul muro: Putin sta pianificando di invadere l’Ucraina.

Non avendo pagato alcuna seria sanzione per l’annessione forzata della Crimea nel 2014, per la conquista di aree della Georgia o per lo schieramento di truppe russe per occupare una regione “separata” della Moldova, Putin è pronto a conquistare l’Ucraina orientale e riportarla al dominio russo. La più importante delle repubbliche prigioniere a dichiarare la propria indipendenza quando l’Unione Sovietica si sciolse 30 anni fa, l’Ucraina sarebbe stata trascinata di nuovo nella “sfera di influenza” di Mosca. La transizione del paese dalla satrapia sovietica autoritaria alla democrazia orientata verso l’Occidente sarebbe giunta al termine. L’adesione alla NATO, favorita dalla grande maggioranza degli ucraini, sarebbe definitivamente fuori discussione. E una parte significativa della vittoria strategica e morale dell’Occidente nella Guerra Fredda – una vittoria che Putin ha descritto come “la più grande catastrofe geopolitica del secolo” – sarebbe annullata.

A Washington, il sostegno retorico all’Ucraina è stato ammirevolmente bipartisan e senza riserve. Parole forti saranno accompagnate da azioni altrettanto forti in caso di attacco russo? Questo è molto meno chiaro.

Il presidente Biden afferma di aver avvertito Putin durante una conversazione di due ore il 7 dicembre che un’invasione russa avrebbe innescato sanzioni economiche “come non ne aveva mai viste” e che avrebbe dovuto affrontare rappresaglie molto più rigide rispetto a quando ha conquistato la penisola di Crimea in Ucraina. “Cose che non abbiamo fatto nel 2014”, ha detto Biden a Putin, secondo il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan, “siamo pronti a farle ora”. Presumibilmente ciò include dotare l’Ucraina dell’equipaggiamento militare letale che il presidente Obama si è rifiutato di inviare sette anni fa, come i missili terra-aria Stinger, i missili anticarro Javelin e le munizioni di artiglieria potenziate. Ma Biden ha escluso qualsiasi dispiegamento di truppe da combattimento statunitensi sulla base del fatto che l’Ucraina non è un alleato della NATO a tutti gli effetti.

Nel modo classico dei despoti belligeranti decisi ad attaccare un vicino più debole, Putin afferma che la Russia è la vittima e che non ha altra scelta che difendersi dall’aggressività minacciosa della NATO e degli Stati Uniti.

“Siamo profondamente preoccupati per l’accumulo di forze armate statunitensi e della NATO sui nostri confini e per le esercitazioni, comprese esercitazioni militari non pianificate”, ha detto martedì in un discorso ai comandanti militari russi. “Non abbiamo altri posti in cui ritirarci. Pensano davvero che staremo a guardare mentre creano minacce contro di noi?” Come l’accusa di Adolf Hitler nel 1939 secondo cui la Polonia rappresentava una minaccia mortale per la Germania, l’accusa di Putin capovolge la verità per giustificare la sua stessa ostilità revanscista.

“L’elenco di minacce completamente inventate di Putin qui è davvero sorprendente… e spaventoso”, ha twittato Michael McFaul, che è stato ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca durante l’amministrazione Obama. “Se sta cercando di spaventarci facendo il pazzo, ci sta riuscendo con me.”

Per anni Putin e i suoi sostenitori si sono scagliati contro l’allargamento della NATO dopo la Guerra Fredda, dipingendolo ripetutamente come un pericolo per la sicurezza nazionale della Russia e una prova della malafede dell’Occidente. Questo è sempre stato il gaslighting. La NATO non ha mai minacciato la Russia. Al contrario: è stata la minaccia dell’aggressione della Russia che ha portato la maggior parte dei suoi ex satelliti riluttanti a cercare la protezione dell’adesione alla NATO.

“Dopo decenni di dominazione sovietica, abbiamo tutti paura della Russia”, ha detto Lech Walesa, eroe democratico polacco e premio Nobel per la pace, nel 1993. “Se la Russia adotta di nuovo una politica estera aggressiva, questa aggressione sarà diretta contro l’Ucraina e la Polonia. ” Gli stati baltici — Lituania, Lettonia ed Estonia — avevano gli stessi motivi di ansia. Erano stati invasi e annessi dall’Unione Sovietica nel 1940 e poi abusati da Mosca per i successivi 49 anni. Era perfettamente ragionevole per loro temere ciò che la Russia avrebbe potuto tentare in futuro e cercare rifugio sotto l’ombrello di mutua difesa della NATO.

Mentre la Russia si prepara all’assalto all’Ucraina, gli Stati Uniti e i loro alleati devono scegliere ora tra pacificazione e deterrenza. La tentazione sarà quella di tentare di addolcire Putin dandogli mezza pagnotta – accettando di bandire le ex repubbliche sovietiche dall’adesione alla NATO, forse, o accettando tacitamente l’egemonia russa nell’Ucraina orientale.

Ma la pacificazione non soddisferà la sete di conquista di Putin. “Mosca non ha mai segnalato limiti alle sue ambizioni”, scrive Nigel Gould-Davies, diplomatico britannico e senior fellow presso l’International Institute for Strategic Studies, a Londra. “La Russia non ha mai suggerito che un accordo sull’Ucraina ripristinerebbe le relazioni con l’Occidente… . Tutte le prove suggeriscono che la complicità nel compromettere la sovranità dell’Ucraina non rallegrerebbe la Russia ma la incoraggerebbe».

La posta in gioco in Ucraina non riguarda solo il territorio. A trent’anni dalla fine della Guerra Fredda, la Russia continua a rifiutare il diritto delle piccole nazioni di plasmare il proprio destino, libere dalle intimidazioni delle grandi potenze. Putin, che si è fatto le ossa nel KGB, non riconosce che i vicini della Russia hanno il diritto di stringere alleanze senza l’approvazione di Mosca o di perseguire i propri interessi pacifici anche se sono in contrasto con le preferenze del Cremlino.

L’America ei suoi alleati non hanno fatto alcuno sforzo per contrastare la rapacità di Putin in Crimea sette anni fa. Devono farlo questa volta. Soprattutto dopo la debacle in Afghanistan, è più urgente che mai per il mondo libero difendere la sovranità e la democrazia ucraine e costringere il dittatore russo a fare marcia indietro. Se Putin riuscirà a farcela ancora una volta, sarà solo questione di tempo prima che una nuova vittima sia nel suo mirino.

Tradotto e redatto da Giovanni De Ficchy

Rispondi