L’inflazione negli Stati Uniti sale al massimo da 39 anni con l’aumento dei prezzi al consumo

È stato il ritmo più veloce in quasi quattro decenni

I prezzi al consumo sono aumentati al ritmo più veloce in quasi quattro decenni a novembre, poiché gli americani hanno pagato di più praticamente per tutto, dai generi alimentari alle automobili alla benzina, consolidando l’inflazione calda come un tratto chiave della ripresa economica.

L’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 6,8% a novembre rispetto a un anno fa, secondo un nuovo rapporto del Dipartimento del Lavoro pubblicato venerdì, segnando l’aumento più rapido dal giugno 1982, quando l’inflazione ha raggiunto il 7,1%. Il CPI – che misura uno stuolo di beni che vanno dalla benzina e l’assistenza sanitaria a generi alimentari e affitti – è balzato dello 0,8% nel periodo di un mese da ottobre.

‘aumento dell’inflazione sta divorando i forti guadagni e salari e stipendi che i lavoratori americani hanno visto negli ultimi mesi – cattive notizie per il  Presidente Biden – , che ha visto il suo indice di approvazione crollare con l’aumento dei prezzi al consumo. La Casa Bianca ha attribuito l’ impennata dei prezzi ai colli di bottiglia della catena di approvvigionamento e ad altre interruzioni dell’economia indotte dalla Pandemia , mentre i repubblicani lo hanno inserito nell’enorme agenda di spesa del presidente.

La Federal Reserve

“A questo punto, l’economia è molto forte e le pressioni inflazionistiche sono elevate”, ha affermato Powell la scorsa settimana. “È quindi appropriato, a mio avviso, considerare di concludere il tapering dei nostri acquisti di asset, che in realtà abbiamo annunciato nella nostra riunione di novembre, forse qualche mese prima”.

Ciò potrebbe significare che il programma di acquisto di obbligazioni della Fed termina prima del previsto, portando potenzialmente a un aumento dei tassi di interesse più rapido del previsto. 

Tradotto e redatto da Giovanni De Ficchy

Rispondi