Il dramma dei risparmiatori e piccoli fornitori cinesi

E chiaro che il tracollo del Colosso immobiliare cinese, che insieme ad altre società del settore, anche loro coinvolte nella crisi immobiliare, dovuta alla grande speculazione, segnerà profondamente l’economia cinese,  Il settore immobiliare cinese, secondo gli analisti , vale quasi il 30% di tutto il suo Prodotto Interno Lordo, attualmente Evergrande dà lavoro a milioni di persone in Cina,

L’effetto contagio sarà veramente difficile da contenere, e credo oramai inevitabile, come le tessere del domino, cadranno una dietro l’altra, colpendo purtroppo i piccoli investitori, che non vedranno mai realizzato il loro sogno di vivere in una abitazione moderna.

In Cina infatti la proprietà privata non esiste, viste le limitazioni del Comunismo, Evergrande affittava il terreno dallo Stato, per un periodo di tempo prestabilito , con contratti molto simili al nostro diritto di enfiteusi, generalmente per 80 anni circa, e i piccoli risparmiatori cinesi, pagavano un deposito per prenotare l’appartamento, naturalmente era tutto il nucleo familiare a pagare visto l’importo molto elevato delle rate di mutuo.

Evergrande da parte sua non appena ricevuto il denaro del deposito si affrettava ad acquistare nuovi diritti di superficie sui terreni dallo stato, mettendo in moto un circolo che era sempre piu’ veloce, naturalmente contraeva prestiti con le banche e gli investitori privati per realizzare sempre nuovi immobili, arrivando a contrarre debiti con ben 128 istituti di credito in tutto il mondo, creando una montagna enorme di debito.

La crisi colpirà in primis i piccoli fornitori che non vedranno mai pagati, se non in minima parte i loro crediti, i quattro milioni di lavoratori sia direttamente di Evergrande, sia indirettamente delle società di costruzione .

sono milioni di persone sprofondate n un mare di preoccupazioni: i lavoratori e e gli investitori, soprattutto piccoli, dall’altra.

Solo per queste due categorie , il colosso cinese è indebitato per quaranta miliardi di dollari, Anche per questo ultimo aspetto si pensa che questo alla fine, le autorità cercheranno di evitare una crisi economica pesantissima ed anche una crisi sociale terribile

Ma il Purgatorio di milioni di risparmiatori, clienti, investitori, fornitori che hanno messo i loro soldi sulla schiena del “Grande Rinoceronte Bianco” per diverso tempo ancora non sapranno se li potranno riavere.

Giovanni De Ficchy

Rispondi