Il dipartimento di giustizia sociale di Biden fa causa al Texas … di nuovo

La riorganizzazione di Lone Star State è “razzista”, spiegano i truffatori del Team Biden.

Il Dipartimento di Giustizia di Joe Biden, o meglio il Dipartimento di Giustizia Sociale, lunedì ha intentato una causa contro il Texas sostenendo che la mappa di riorganizzazione pianificata dello stato viola il Voting Rights Act. Come ha spiegato il procuratore generale Merrick Garland, “La denuncia che abbiamo presentato oggi afferma che il Texas ha violato la sezione due creando piani di riorganizzazione che negano o riducono i diritti degli elettori latini e neri di votare a causa della loro razza, colore o appartenenza a una lingua gruppo di minoranza.”

Questa è ora la seconda causa che il Dipartimento di Giustizia di Biden ha sollevato contro il Texas per le sue leggi elettorali. All’inizio di quest’anno, il DOJ ha citato in giudizio lo Stato Stella Solitario per la sua legge sull’integrità elettorale, affermando completamente senza merito che la legge è “razzista”. Questa seconda causa solleva la stessa vacua accusa di “razzismo”.

La causa sostiene che “subito dopo il rilascio dei dati del censimento del 2020, la legislatura del Texas ha adottato piani di riorganizzazione per la delegazione del Congresso del Texas e la Texas House attraverso un processo legislativo straordinariamente rapido e opaco”. Il procuratore generale associato Vanita Gupta ha inoltre affermato: “Questi piani di riorganizzazione diminuiranno le opportunità per gli elettori latini e neri in Texas di eleggere i loro rappresentanti preferiti. E questo è proibito dalla legge federale”.

Il procuratore generale del Texas Ken Paxton ha risposto alla causa affermando : “L’assurda causa del Dipartimento di Giustizia contro il nostro stato è l’ultimo stratagemma dell’amministrazione Biden per controllare gli elettori del Texas. Sono fiducioso che le decisioni di riorganizzazione della nostra legislatura si dimostreranno legittime e questo assurdo tentativo di influenzare la democrazia fallirà”.

Quest’ultima mossa del DOJ di Biden serve solo a cementare la realtà che è vincolato alle preoccupazioni politiche dei Democratici piuttosto che all’applicazione imparziale della legge. Ed è uno sforzo concertato. “L’amministrazione Biden ha affermato che avrebbe contestato le modifiche sostenute dai repubblicani alle procedure di voto statali negli Stati Uniti”, riporta il Wall Street Journal. “Il Dipartimento di Giustizia a giugno ha citato in giudizio lo stato della Georgia, sostenendo che la sua nuova legge sul voto mira a limitare i diritti degli elettori neri, tra le altre mosse”.

Il Texas è in cima alla lista degli obiettivi dell’amministrazione Biden a causa del fatto che ha ottenuto due seggi al Congresso dopo il censimento del 2020, anche se la California blu scuro ha perso un seggio. L’ultima cosa che i Democratici vogliono è che uno stato rosso aumenti la sua impronta repubblicana a Capitol Hill. Quindi hanno escogitato una frivola causa legale per dipingere dubbiosamente questa come una lotta contro il razzismo, riportando indietro l’orologio come se questa fosse l’America intorno al 1963.

Tradotto e Redatto da Giovanni de Ficchy

Rispondi